Venti minuti

Mi vesto in fretta, circa un minuto e mezzo, prendo il taxi e –Fast, fast, fast, I’m in late, I’m missing the flight.
E invece, stavo perdendo la possibilità di stare altri venti minuti con lui, all’aeroporto, nelle sue braccia.
I nostri occhi, i miei così neri ed i suoi così azzurri, così diversi, in quel poco tempo sembrato eterno erano così uguali, lucidi, colmi di incertezze.
La porta automatica si apre, e nulla (o tutto), venti minuti tra le tue braccia, intorno a noi solo voci sbiadite.
Per un attimo ritorno nel mondo reale, capisco dove sono e cosa ho fatto, e comincio a sorridere senza motivo.

Esattamente quello che stavo perdendo è ora mio.
Anche se ora è partito, e passeranno mesi, e non sappiamo quello che succederà. Ora quell’abbraccio che desideravo è mio.
Sono le 12:50, solo un’ora, il volo per Amsterdam, devi andare, c’è molta gente in fila.

Piango, ma sorrido. Comunque vada, quell’abbraccio è MIO.
Lo penso mentre ti inseguo con lo sguardo, mentre ti saluto da lontano, e poi sparisci dietro l’angolo.
L’ho fatto davvero, ho preso il taxi e sono scappata dritta da lui, per quei venti minuti infiniti di abbracci.

 

LauraLorà

Laura Curcio

Viaggiare dentro me e nel mondo. Scoprire, imparare. Ogni mia riflessione e ogni mio stato d’animo fa riferimento a tutto ciò che di natura mi circonda: mare, monti, stagioni e i loro colori. L’alba dove tutto inizia e il tramonto dove tutto finisce. Credo nella legge dell’attrazione, perciò don’t worry, be happy!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.