•  
  •  

C’era una volta un uomo.

Un uomo che ogni giorno viveva una costante nostalgia e malinconia.

Un uomo che amava tutto ciò che aveva, ma aveva purtroppo, il costante desiderio di qualcosa in più.

non si dava pace, certe volte la malinconia e la nostalgia erano sensazioni che gli facevano ricordare i momenti in cui era stato felice, e quando li ricordava, ritrovava la fiducia in sé stesso, e si rilassava, guardando scorrere l’acqua della cascata, pensando e sorridendo, si rilassava.

Altre volte, tuttavia, le sue sensazioni gli facevano male, perché quei ricordi voleva riviverli, voleva tornare con le persone che gli avevano regalato quelle emozioni, quei luoghi che gli avevano regalato dei sogni.

Meditava su ciò che aveva intorno adesso. 

E non gli bastava, no, non riusciva a bastargli.

Da una parte il vento voleva portarselo via, gli suggeriva che quello che aveva ora non era prezioso, era solo una menzogna, nessuno diceva mai la verità, nessuno era davvero sincero.

Dall’altra il mare che si infrangeva sugli scogli, gli suggeriva con rabbia di ribellarsi alla sua situazione, doveva fare qualcosa… Qualcosa di drastico, di violento, come se un piccolo uomo sarebbe potuto diventare un mare in tempesta.

E la burrasca lo fece naufrago, perso.

Non potendo darsi pace, si perse nella tempesta, tutto buio, fulmini, onde e buio.

Quando finalmente si calmò, capì di essere stanco; stanco di tutte quelle emozioni, nostalgie, negatività.

Decise che era stanco di credere solo nelle realtà, troppo pessimista, troppo basica, a volte anche troppo banale, crudele.

Decise che era stanco di chi non faceva altro che diffidare di tutto e di tutti.

Era stanco di una parte di sé stesso.

Si sfidò, e disse a sé che poteva, che DOVEVA fare qualcosa per cambiare la sua situazione. L’altra parte di sé ne rise, e lo sfidò, una scommessa contro sé stesso.

Per molti mesi, la sfida continuò, decise di essere migliore, di tutti, gentile, disponibile. Migliore di sé stesso.

Una notte, quando meno se l’aspettava, quando ormai aveva persino dimenticato di aver iniziato quella sfida, si rese conto di aver vinto, di aver vinto e perso allo stesso tempo.

La pace e l’equilibrio, raggiunti con tanta fatica, che comunque sapeva che sarebbero stati temporanei, gli entrarono dentro, e nessuna cosa delle poche negative di quella notte stellata, intaccarono in nessun modo il suo animo.

E dunque, infine, la scelta di essere gentile, senza farsi troppi pensieri o paranoia, accettare sé stessi e ciò che si ha intorno, erano ora, le cose più importanti.

Migliore di tutti, migliore di sé stessi.

 

  • Paolo Pileggi

 

Di Paolo

nato nell'ultimo degli anni 80, nella città propensa verso lo studio di ogni pregio e difetto delle persone, eccomi qui. Appassionato di romanzi, specie quelli di avventura, cresciuto con Salgari e altri romanzi di avventure del mare, ho iniziato da lì, ad appassionarmi al mondo dell'avventura. Anche se dovrebeb essere il mio genere "prediletto" insieme al fantasy, non amo dare etichette, come dicono amici che dicono che ascolto rap. è vero, ascolto molto spesso quella musica, ma ho anche periodi in cui mi ipnotizzo o coi foo fighters o con gli u2, per dire. Amante della natura, del silenzio, dell'amore (quello vero), delle donne, dell'amicizia, dei videogiochi e delle serie tv. La mia cultura non si ferma al libro e alla musica, si amplia nella conoscenza degli altri e dell'altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.