Nasce “l’orto sinergico” con i pazienti di psichiatria a Lamezia, “Il ricovero sarà meno triste e noioso”

L’orto sinergico nel cortile del reparto di psichiatria nell’ospedale di Lamezia Terme

Una idea bella e originale che, attraverso il lavoro manuale, consente ai pazienti di vivere un momento di libertà, fantasia, armonia con gli altri e con sé stessi: è l’orto sinergico, lo spazio verde presente all’interno del reparto di psichiatria dell’ospedale di Lamezia Terme che da ieri grazie alla collaborazione del Progetto Gedeone riprende vita fra pazienti, infermieri, oss, e medici.

“Per i pazienti il ricovero sarà un po’ meno triste e noioso: la visuale del cortile non è più sbarre e cicche di sigarette: le fioriture potranno dare una speranza, indispensabile in momenti bui. L’orto sarà anche un modo per stimolare le relazioni ed ampliare competenze di chi vorrà dare una mano – si legge nel comunicato stampa – . Si spera di coinvolgere attivamente molti pazienti, portando il mondo informale nella quotidianità dei ritmi del Reparto, per lo più scanditi da visite, terapie e colloqui. E sappiamo quanto è importante, soprattutto per pazienti e familiari, scorgere anche un po’ di colore, quando ti avvolgono le tenebre”

Il Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura (SPDC)  di Lamezia Terme con Primario il Michele Rossi e l’equipe che con lui collabora composta da Medici, Psicologi, Assistenti Sociali, Infermieri e OSS,  ha promosso già dallo scorso anno 2018 una serie di incontri con le Associazioni di Volontariato presenti sul territorio, finalizzati ad avviare attività di socializzazione e di sostegno ai pazienti ricoverati e alle loro famiglie, attraverso l’attività di volontari appartenenti alle Associazioni. Presenti: l’Associazione Progetto Itaca Catanzaro Lamezia con il Presidente Pasquale Gaetano; il Progetto Gedeone di Lamezia Terme con il Presidente Antonio Mangiafave; l’Associazione Sincronia con il Presidente Renato Nunnari.

error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.