La gabbia del tempo

Dalle tracce del passato
riemerge
con foschi languori
la pupilla rossa
dell’araba fenice

Qual è il segreto
della fiamma eterna?
Sentire fuggire
dai lontani bagliori della ragione
un assoluto desiderio:

[font id=”novecento-bold”]sentirti[/font]

ancora vicino,
ancora sconvolto
dalla bellezza di un incontro,
specchiato nelle tue pupille
cristalline
aperte di cieli nuovi
forse sereni.

 

Franz

 

 

 

[Photo Cretits: https://it.pinterest.com/pin/706361522777484231/  – Via Unknow]

Franz Tropea

Nata in una pozza d'acqua scura, intrisa di colori scintillanti. Poco poco viva, poco poco morta; in perpetua oscillazione tra una vana porta, logora e spoglia, e l'Isola-che-non-c'è.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Maurizio Bincoletto ha detto:

    Ciao Franz!
    Mentre navigavo in internet, mi sono casualmente imbattuto nella tua poesia: La gabbia del tempo.
    mi ha affascinato e così l’ho tradotta in un’opera pittorica.
    Il 4 giugno sarà esposta in una mostra collettiva a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.