Come chiesa sconsacrata

 

Calabria, chiesa sconsacrata,
non brandivi la spada della Giustizia
né la bilancia era equa nella misura,
eppure l’accoglienza era accordata a tutti
e un piatto caldo elargito agli affamati.

Calabria, forza antica e primitiva
dei tempi in cui bene e male
erano chiaramente separati
e ugualmente indistinguibili.

Calabria, generata da terra e fuoco,
territorio di passaggio dove non si può rimanere,
terra di radici invincibili che nessuno può sradicare.

Calabria, levigata dall’acqua,
la salvezza dei naufraghi le tue coste,
la perdita della libertà e la schiena rotta nei tuoi campi.

Calabria, pallottola vagante,
ho visto in te il furore di Lucifero
che si è ribellato a Dio,
ho visto in te la fedeltà dell’arcangelo Michele
che ha sconfitto il demonio
nelle sue infinite forme…

E hanno detto che l’inferno sicuramente sta in basso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.