Al baricentro esatto dell’anima

 

Siamo caduti così

tante volte che

l’equilibrio sembra un

miracolo, teso fra il

cielo e i palazzi, come

la corda di un funambolo

cieco. Un giorno – un

pomeriggio forse,

sapremo come

afferrarlo, lo mangeremo

in tanti piccoli

bocconi, come aspettando

un tramonto

sulla spiaggia.

Arriverà, tra una risata e

un sorso di vino, al

baricentro esatto

dell’anima.

Solo allora

sapremo danzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.