Marzo, improvvisamente.

Accolgo marzo vestito d’argento, spalmando sui sogni una nuova luce.

Le nubi si sciolgono in gocce di sole che mi scivolano sul petto, giù fino alle mani

rivolte al cielo come una preghiera.

Un filo di verde smeraldo contagia la strada, racconta storie vecchie ma nuove,

si insinua fra i sassi, le crepe dei muri, gli occhi celesti di un sorriso bianco.

Come l’abitudine di un antico canto, annego in un soffio di speranza

che sposta i capelli più in là, non troppo lontano, vicini al battito delle tue ciglia, bagnate

di un sogno di una nuova primavera che sfida l’addio di un lungo inverno.

 

 

error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.