Gennaio, da quanto tempo.
Gennaio, da quanto tempo.

Gennaio, da quanto tempo.

Volto straniero imperturbabile
affacciato alle soglie del giorno
riecheggia
fra urla e menzogne
il battito d’ali di un nuovo tempo.

Sospinto da un canto d’inverno
sospendi la linea del mare
argina i fiumi incessanti
zittisci il calore del sole
chiudi le crepe del cielo.

Danza l’apocalisse su di un arcobaleno
frammenti sperduti, come pietre.
Sangue di un tempo, in un bacio
rubato alla morte
alla nostra bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.