La piccola fiammiferaia

Spira il vento
che t’invermiglia le gote
e ti stringi pel freddo
nelle tue vesti sordide

cercando a perdifiato,
con la tua tenue voce,
un compratore

pel fiammifero
la cui luce soffusa
t’illumina il viso

e, con un guizzo di gioia,
corri forsennata
stupefatta del barlume
della tua opera

ma, presto, mesta t’adagi
sul lastrico innevato
scoppiando in un pianto
che t’avviluppa nel suo funereo drappo

poiché nessuna mano
s’è protesa verso
la tua offerta

che fumiga e stride,
fra le tue frigide dita,
in un greve silenzio
che t’ha preso la vita.

 

Brano consigliato:https://www.youtube.com/watch?v=GR2VTGR2Zog

Facevo il quinto superiore quando mi ritrovai, con sorpresa, a scrivere la mia prima poesia che ,con quei versi, entrò in punta di piedi nella mia vita per poi diventarne, a poco a poco, un aspetto d'assoluta indigenza. Qual è il motivo per cui scrivo? Ebbene, scrivo per ritornare a Casa con la speranza che, nel farlo, possa portarci anche te che ora stai leggendo...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.