Apocatastasi

Dolce tempesta
dell’occiduo sole,
sacrificio
d’auree folgori-gocce,

imperversa sul ridente
volto del mio spirito
erto sulle vette del mondo

dove, riverente,
si riconcilia
al degno ufficio
della vita

attraverso la quale
incede, con un roboante fremito,
verso gli esseri umani
d’ogni luogo e tempo

chiusi nel cerchio
delle mie labbra
pel bacio

che si schianta all’orizzonte
per l’illibato nascimento
di un nuovo sole.

Lilium Sige

Brano consigliato:https://www.youtube.com/watch?v=SNJVIUmsctE

Facevo il quinto superiore quando mi ritrovai, con sorpresa, a scrivere la mia prima poesia che ,con quei versi, entrò in punta di piedi nella mia vita per poi diventarne, a poco a poco, un aspetto d'assoluta indigenza. Qual è il motivo per cui scrivo? Ebbene, scrivo per ritornare a Casa con la speranza che, nel farlo, possa portarci anche te che ora stai leggendo...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.