Bolgia

0 0
  •  
  •  
Read Time:13 Second

Le tue labbra
braci sulla mia cenere
si muovono
come per divorare
la disperazione
che mi trascina.
E io ti scruto
con occhio assuefatto
a tale uso;
che mi travolge,
che mi sconvolge,
che mi rovina,
tra lacrime argentee
colorate,
come di neve
ornamentate.

About Post Author

Davide De Grazia

Il poeta non è altro che un canale, un medium per l'infinito, che si annulla per fare posto a forze che gli sono immensamente superiori e, per certi versi, persino estranee. D'altra parte chi sono io di fronte al tutto, ma al contempo, cosa sarebbe il tutto senza di me?
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.