Dal mio dolore nasce sempre un fiore

Il mio dolore è tornato,
torna,
il dolore, torna

Il mio dolore é tornato,
torna,
a parlarmi, a sussurrarmi,
torna, per dirmi che siamo uomini,
torna, per dirmi quanto tempo abbiamo,
torna, per abbandonare la paura,

Il mio dolore è tornato,
torna,
ed io non ho più voglia di piangere, oggi
torna, per tornare, perché tutte le cose tornano, sempre
torna, per scrivere di nuovo qualcosa, uguale a ieri, mai uguale a domani.

Il mio dolore è tornato,
torna, a ridere di me, si,
torna, ma a me non importa più, come prima,
torna, ed il voglio solo respirare, poco, poche cose da afferrare, oggi

Il mio dolore é tornato,
torna, e non vuole più essere trovato, più ostentato,
torna, come una nebbia, un sole ancora da disegnare, insieme.

Valeria D'Agostino è giornalista pubblicista, curiosa del bello, amante della natura e della poesia. Ha contribuito a realizzare il Tip Teatro di Lamezia Terme, già ufficio stampa di Scenari Visibili, blogger sin dagli esordi di Manifest Blog. Ha lavorato per Il Lametino, attualmente corrispondente esterna della Gazzetta del Sud. Nell'ambito della scrittura giornalistica ha prediletto un interesse particolare per le tematiche sociali, quali in primis la sanità e l'ambiente, culturali, e artistiche. Si divide fra Lamezia Terme e Longobardi, costa tirrenica cosentina dove si occupa di turismo e agricoltura biologica. "Un buon modo per dare concretezza al concetto di fuga".

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.