Settembre. “Quando la morte ti attraversa ti assale la vita”

Mi dispiace. Il tempo è volato e non ce ne siamo accorti.

La voce continua a formulare le storie di ieri, pure l’intenzione resta la stessa, e i giorni si confondono.

Abbiamo immaginato a lungo cose, storie, incontri, attorno a termini o verbi quali “consapevolezza” o “crescere” ultimamente “evolvere” e altro ancora, simile. Eppure, risultava assai difficile toccarne con mano l’essenza, forse per paura.

Quel salto in avanti è stato fatto, e non ce ne siamo rese conto. Nessuno l’ha capito, o forse no, oggi lo sappiamo. É cambiato qualcosa, sotto il cielo di sempre e, settembre, oggi, settembre é diverso. Le lancette si muovono svelte e questo agosto é passato senza neanche godere di un tramonto. Nell’aria, però, c’era qualcosa, e lo sapevamo. Anche di bello.

Mamma,
lascia che ti ripeta quanto ti amo, in silenzio, senza clamore. Ché le cose più belle non si sanno mai dire, mai dire…

Allora oggi sorrido. Mentre mi sveglio da incubi e ne scorgo altri, mentre il ricordo di un settembre scolastico é ormai sbiadito.

Quanto mi manchi tu, davanti allo specchio, quando passavi veloce il rossetto dopo le 7 del mattino…

Le lezioni più belle sono nel dolore, nella dignità, nella bellezza che si tramuta in fragilità e forza. Imparo tanto, oggi, mamma mia.

Che il tempo é volato e non ce ne siamo accorti. Ma oggi lo so, lo tocco con mano e voglio divorarlo, viverlo, voglio essere io.

Quando la morte ti attraversa ti assale la vita, la paura non esiste. C’è l’amore. C’è solo l’amore.

Valeria D'Agostino è giornalista pubblicista, curiosa del bello, amante della natura e della poesia. Ha contribuito a realizzare il Tip Teatro di Lamezia Terme, già ufficio stampa di Scenari Visibili, blogger sin dagli esordi di Manifest Blog. Ha lavorato per Il Lametino, attualmente corrispondente esterna della Gazzetta del Sud. Nell'ambito della scrittura giornalistica ha prediletto un interesse particolare per le tematiche sociali, quali in primis la sanità e l'ambiente, culturali, e artistiche. Si divide fra Lamezia Terme e Longobardi, costa tirrenica cosentina dove si occupa di turismo e agricoltura biologica. "Un buon modo per dare concretezza al concetto di fuga".

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.